Festival e Accademia Dino Ciani

Foto Bandion.it
Preziosa occasione d’incontro e di scambio tra pianisti di fama internazionale e giovani talenti della tastiera.

Il Giornale della Musica

Foto Giacomo Pompanin
Abbiamo bisogno di voi per portare musica e cultura a Cortina.

Jeffrey Swann

Foto Bandion.it
Il Festival fa convergere nella conca ampezzana alcune delle più brillanti stelle del panorama musicale internazionale.

Corriere delle Alpi

Concerti, incontri, corsi di perfezionamento, per trasmettere anche ai più giovani ciò che Dino Ciani è stato e continua ad essere.

Amadeus

Uno dei più grandi pianisti degli ultimi decenni, un angelo che si trovava incidentalmente sulla terra e presto tornò nella sua patria celeste.

Paolo Isotta • Corriere della Sera

Un punto di riferimento nella programmazione musicale nazionale e internazionale.

Corriere delle Alpi

Resta in me il ricordo di un artista purissimo, di un grande poeta della tastiera.

Riccardo Muti

Foto Bandion.it
Questo Festival si rinnova anno dopo anno sotto la direzione artistica di Jeffrey Swann.

Il Giornale della Musica

Foto Bandion.it
Un festival… con l’ambizione di diventare… la manifestazione musicale d’alta quota più importante d’Italia.

Corriere della Sera

Foto Bandion.it
Musica d’alta quota e proposte artistiche di altissimo livello.

Il Gazzettino

Il Festival

Marzola, Francesco

Nato nel 1981, dopo la Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Milano, ottiene una borsa di studio presso la Royal Ballet School di Londra e si diploma alla Scuola di Ballo dell’Opera di Roma. Di questo Teatro entra a far parte del corpo di ballo interpretando subito ruoli solistici in diversi balletti del repertorio classico tradizionale, in balletti storici perduti nel tempo e in nuove creazioni di coreografi moderni. Nel 2010 Vladimir Derevianko lo chiama a far parte di MaggioDanza. Inoltre, collabora alla direzione artistica dell’Accademìa Veneta di Danza e Balletto. Nel maggio di quest’anno è stato invitato dalla AEFC e dalla Federation of Returned Overseas Chinese in Cina (Beijing, Tianjin, Jiaozhou, Guangzhou, Shenzhen) per rappresentare la danza italiana e incrementare l’interscambio culturale tra i due Paesi.