Festival e Accademia Dino Ciani

GiacomoPompanin_03
Foto Bandion.it
Un festival… con l’ambizione di diventare… la manifestazione musicale d’alta quota più importante d’Italia.

Corriere della Sera

_A9R7650_Bandion_slider
Foto Bandion.it
Il Festival fa convergere nella conca ampezzana alcune delle più brillanti stelle del panorama musicale internazionale.

Corriere delle Alpi

_A9R6645_Bandion_slider
Foto Bandion.it
Questo Festival si rinnova anno dopo anno sotto la direzione artistica di Jeffrey Swann.

Il Giornale della Musica

_A9R3232_Bandion_slider
Uno dei più grandi pianisti degli ultimi decenni, un angelo che si trovava incidentalmente sulla terra e presto tornò nella sua patria celeste.

Paolo Isotta • Corriere della Sera

ciani01
Resta in me il ricordo di un artista purissimo, di un grande poeta della tastiera.

Riccardo Muti

_A9R7488_Bandion_slider
Foto Bandion.it
Preziosa occasione d’incontro e di scambio tra pianisti di fama internazionale e giovani talenti della tastiera.

Il Giornale della Musica

_A9R8299_Bandion_slider
Un punto di riferimento nella programmazione musicale nazionale e internazionale.

Corriere delle Alpi

140803_FC_RGB_8084M3
Foto Giacomo Pompanin
Abbiamo bisogno di voi per portare musica e cultura a Cortina.

Jeffrey Swann

_A9R3008_Bandion_slider
Concerti, incontri, corsi di perfezionamento, per trasmettere anche ai più giovani ciò che Dino Ciani è stato e continua ad essere.

Amadeus

_A9R7235_Bandion_slider
Foto Bandion.it
Musica d’alta quota e proposte artistiche di altissimo livello.

Il Gazzettino

Dino Ciani

foto_dino_ciani

Nacque a Fiume il 16 giugno 1941, ma la città che lo vide crescere e formarsi fu Genova, dove si trasferì e iniziò gli studi musicali. Era un ragazzo precoce, dotato di rara sensibilità; aveva una memoria ferrea e il dono prezioso dell’orecchio “assoluto”. Negli studi bruciò le tappe: si diplomò al Conservatorio Santa Cecilia di Roma con il massimo dei voti e nello stesso anno tenne il suo primo concerto pubblico a Santa Margherita Ligure. Seguì a Parigi corsi di perfezionamento, e nel 1961 vinse a Budapest il Premio Liszt-Bartók. Da questo momento ebbe inizio una brillante carriera concertistica internazionale, che lo vide accanto a direttori del livello di Gavazzeni, Abbado, Muti e Giulini. Tenne il suo ultimo concerto al Piccolo Teatro di Milano eseguendo il Winterreise di Schubert con il baritono Claudio Desderi. Il 27 marzo 1974, a soli 32 anni, morì nei pressi di Roma, a causa di un incidente d’auto. Cortina, dove è sepolto, era per lui il “luogo del cuore” e la città dal 2007 lo ricorda con il suo Festival e l’Accademia.

www.dinociani.org